doocenti.it

Concorso Straordinario 2019: Pubblicato il Decreto, tutte le novità

Gazzetta ufficiale del 30 ottobre 2019 requisiti e novità per il concorso straordinario 2019

Mercoledì 30 ottobre 2019, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge del 29 ottobre, per l’avvio delle procedure concorsuali per la scuola secondaria di I e II grado. Il Decreto in questione oltre a confermare quanto già annunciato nei giorni pregressi, ha apportato alcune novità sostanziali.

Concorso Straordinario 2019: chi potrà partecipare e a quali procedure?

Il Decreto Legge conferma i requisiti d’accesso già previsti sia per il Concorso Straordinario, sia per quello Ordinario.

Requisiti per Concorso Straordinario:

  • Titolo valido per l’accesso all’insegnamento
  • Almeno 3 anni di servizio svolti tra il 2011/2012 e il 2018/2019 e con almeno 1 anno di servizio per la classe di concorso per la quale si concorre.
  • [Esclusivamente per concorrere sul Sostegno ] Specializzazione Sostegno.

Requisiti per Concorso Ordinario

  • Laurea magistrale, specialistica o vecchio ordinamento + abilitazione all’insegnamento 

oppure

  • Laurea magistrale, specialistica o vecchio ordinamento + certificazione 24 CFU in discipline antropo, psico-pedagogiche e metodologie didattiche

Per concorrere sul sostegno sarà necessaria anche la relativa specializzazione, Gli ITP invece, concorreranno con il solo diploma.

Una novità che il Decreto Legge introduce è che il docente che ha sia i requisiti per il Concorso Straordinario, sia i requisiti per il Concorso Ordinario, potrà partecipare a entrambi i concorsi.

Infatti, nell’articolo 1 comma 8 si legge:”Ciascun soggetto puo’ partecipare alla procedura di cui al comma 1 in un’unica regione per il sostegno oppure, in alternativa, per una sola classe di concorso. E’ consentita la partecipazione sia alla procedura straordinaria di cui al comma 1 sia al concorso ordinario, anche per la medesima classe di concorso e tipologia di posto”.

 

Concorso Straordinario 2019: possono partecipare i docenti delle paritarie?

Un’altra sostanziale novità introdotta da questo Decreto Legge è la possibilità per i docenti di scuola paritaria di poter partecipare al Concorso Straordianrio, al solo fine dell’abilitazione e a patto che abbiano i 3 anni di servizio svolti tra il 2011/2012 e il 2018/2019 anche in scuole paritarie  e con almeno 1 anno di servizio per la classe di concorso per la quale si concorre.

A sancirlo il comma 7 dell’articolo 1 del Decreto, nel quale si legge”E’ altresi’ ammesso a partecipare alla procedura, unicamente ai fini dell’abilitazione all’insegnamento, chi e’ in possesso del requisito di cui al comma 5, lettera a) [le tre annualità di servizio n.d.A.], tramite servizio prestato presso le scuole paritarie del sistema nazionale di istruzione…”

Concorso Straordinario 2019: i 24 CFU

Resta in vigore la norma che sancisce l’obbligo di acquisizione dei 24 CFU entro il corrente anno accademico 2019/2020, pena, l’esclusione dalle procedure concorsuali straordinarie.

Proprio per questo, una mossa saggia, nell’attesa che escano i bandi dei concorsi è procedere all’acquisizione dei 24 CFU, così da mettersi al sicuro dal rischio di esclusione dal Concorso Straordinario e avere i requisiti d’accesso per quello Ordinario.

 

Dai un'occhiata alla no stra offerta formativa 24 CFU