doocenti.it

COSA SIGNIFICA MESSA A DISPOSIZIONE

Se aspiri a entrare nel mondo del lavoro come docente, sicuramente avrai sentito parlare della Messa a Disposizione (MAD).

Ma di cosa stiamo parlando esattamente?
Di che cosa si tratta?

Cos’è la Messa a Disposizione

Tecnicamente la Messa a Disposizione è un’istanza informale presentata da una persona fisica ad un ente pubblico, finalizzata ad ottenere un posto di lavoro a tempo determinato.

Diffusa soprattutto nel mondo della scuola, dove è anche chiamata “Domanda di Supplenza ai Presidi”, la MAD è legalmente riconosciuta e prevista dal MIUR e consente a ogni aspirante docente di candidarsi come supplente.

Chi può presentare la Messa a Disposizione

Chi ha terminato il ciclo quinquennale di studi può inoltrare la propria candidatura attraverso MAD, senza che sia necessaria l’abilitazione o l’iscrizione in graduatoria.

Requisito necessario è il titolo di accesso per la classe di concorso per la quale si intende concorrere.

Come inviare la Messa a disposizione

Se hai tutte le caratteristiche per presentare la domanda di Messa a disposizione, puoi inoltrarla attraverso:

Fax

Per quanto “antico”, il Fax è ancora uno dei metodi più utilizzati per l’invio della MAD agli istituti scolastici.

Posta elettronica certificata (P.E.C.)

È sempre preferibile dare valore legale alla presentazione della domanda con la posta certificata.

Raccomandata A. R.

L’invio per posta è da preferire via raccomandata, in quanto ha valore legale.

Brevi Manu

La consegna a mano è il metodo più diretto e, quando possibile, è il migliore, in quanto consente di verificare di persona se vi siano o meno posti vacanti.

Una volta scelto il mezzo per la trasmissione della tua domanda di Messa a Disposizione, preoccupati di compilare il documento in modo corretto, completo e professionale.

 

Complila subito la tua Messa a Disposizione