doocenti.it

GRADUATORIE DI ISTITUTO: LE SANZIONI PER CHI RIFIUTA O ABBANDONA IL SERVIZIO

Ormai è iniziato il tran tran che vede i docenti convocati dalle Graduatorie di Istituto spostarsi dal Sud verso il Nord, infatti, la maggior parte dei docenti, soprattutto della parte meridionale, hanno presentato domanda al Nord, considerando il fatto che ci sono maggiori disponibilità di poter insegnare. Effettivamente si sono riscontrati disagi in Veneto, Liguria, Lombardia, ma anche in Campania in termini di cattedre vacanti.

Il problema di fondo è che gli spostamenti devono essere repentini e che quindi molti insegnanti non sono in grado di organizzarsi rispetto le nomine ricevute. Il docente che poi per motivi personali o logistici non riesce a spostarsi secondo quanto previsto dall’ufficio scolastico incorre a delle sanzioni. Vediamo quindi quali sono le sanzioni previste per i docenti che dalle graduatorie di istituto 2017-2020 ricevono la nomina.

Graduatorie di istituto: ecco le sanzioni

Il docente che rifiuta la prima volta non è soggetto ad alcuna sanzione e non  è necessario che fornisca una giustificazione motivata. La situazione cambia quando si riceve la nomina per la seconda volta dalle graduatorie di istituto e si rinuncia ad una proposta di contratto per la seconda volta nella stessa scuola, per questo è prevista una penale, che colloca il docente direttamente ultimo in graduatoria nella scuola nella quale era stato convocato. La sanzione, a differenza delle graduatorie di istituto, non ha validità triennale ma solo di un anno, inoltre, viene applicata solo agli aspiranti inoccupati che ricevono una supplenza.

Se il docente ha già accettato un’altra convocazione non riceverà alcuna sanzione.

Diversa la situazione se si accetta la supplenza e poi si decide di non presentarsi, in questo caso, il docente non avrà più la possibilità di essere convocato dalle graduatorie di istituto per l’intero anno scolastico non solo per quella scuola, ma per tutte le altre per le quali ha presentato domanda. La sanzione può però essere giustificata con opportuna documentazione, in questo caso, rimane per il docente la possibilità di essere convocati per altra classe di concorso. L’abbandono del servizio durante lo svolgimento delle lezioni comporta la rinuncia ad essere convocati per tutte le classi di concorso in tutte le venti scuole nelle quali si è iscritti nelle relative graduatorie di istituto. La penale vale per l’intero anno scolastico e non ha validità triennale.