doocenti.it

GRADUATORIE TERZA FASCIA ATA: LE ULTIME NOVITA’

A breve sarà possibile richiedere l’aggiornamento delle graduatorie ATA, precisamente dal 30 settembre gli interessati potranno presentare domanda o per l’iscrizione nelle graduatorie terza fascia ATA o potranno chiedere l’aggiornamento; nel primo caso bisognerà compilare il modello D1 correttamente e poi consegnarlo di persona alla scuola capofila scelta, sarà possibile inviarlo anche tramite PEC o raccomanda con ricevuta di ritorno.

Nel secondo caso, quindi che non riguarda l’iscrizione nelle graduatorie terza fascia ATA, bisognerà compilare il modello D2, anche qui vale la stessa tipologia di inoltro della propria candidatura: a mano, tramite PEC o raccomandata. Come abbiamo detto sopra, da sabato 30 settembre si avranno circa 30 giorni di tempo per iscriversi o aggiornare il proprio punteggio. I profili per i quali si presenta domanda sono: collaboratore scolastico, assistente amministrativo e tecnico, infermiere, guardarobiere, infermiere e cuoco.

Concluso il termine ultimo per inoltrare la propria domanda, ovvero il 30 ottobre, bisognerà attendere per avere contezza delle graduatorie provvisorie e poi, dopo reclami eventuali, verranno pubblicate le definitive.

Ora, però bisogna capire come verranno strutturate le supplenze ATA.

Graduatorie terza fascia ATA: le supplenze

Il 21 settembre si è tenuto un incontro tra Miur e sindacati che aveva come oggetto del discorso le supplenze ATA.

L’amministrazione ha cercato di rassicurare, dichiarando che la procedure sulle supplenze verranno riviste il più presto possibile; prima di tutto, si concentreranno sul tipo di contratto e sarà rivisto il contratto a tempo determinato conferito alle graduatorie terza fascia ATA, che sarà di tipo Fad; infatti, secondo quanto riportato da diverse testate giornalistiche, come Blasting News: ‘le convocazioni dei candidati avverranno fino ad avente diritto. La possibilità di contratto Fad verrà data anche al personale ATA con incarico a tempo indeterminato, ai sensi dell’art. 59 CCNL. Il Ministero dell’Istruzione ha richiesto al Ministero dell’Economia e delle Finanze di assicurare che le Ragionerie territoriali abbiano tutte le dovute istruzioni per pagare regolarmente gli stipendi e un’omogeneità di trattamento’.

E’ in programma poi un prossimo incontro per il 1 dicembre con i sindacati, che sarà incentrato su come strutturare e stabilire le domande pervenute per l’aggiornamento graduatorie 2017/2020 e di procedere con la stipula di contratti aventi date precise e non più Fad. Si prevede, che il numero di domande pervenute sarà molto alto.