doocenti.it

IL CORSO-CONCORSO PER DIVENTARE DIRIGENTE SCOLASTICO

Sono anni che gli insegnanti attendono l’indizione del concorso pubblico per diventare dirigente scolastico. Sembra quasi una chimera, che tuttavia negli ultimi mesi sembra più palpabile. Il leghista Pittoni ha dichiarato che, sebbene il bando possa essere anche indetto a settembre 2017, le relative assunzioni non partiranno prima dell’a.s. 2019/2020.

Gli insegnanti coinvolti dal concorso per diventare dirigente scolastico dovrebbero attendere due anni: il primo di svolgimento della procedura concorsuale, il secondo costituito da un periodo di formazione della durata di 4 mesi, seguito da un tirocinio di 2. Il tutto dovrebbe concludersi, senza calcolare possibili imprevisti, a marzo 2019.

Da aggiungere che, dopo il tirocinio, bisognerà sostenere un colloquio, superato il quale si potrà essere inseriti utilmente in graduatoria.

In attesa di nuove comunicazioni ufficiali ricordiamo che per accedere al concorso pubblico occorre essere in possesso di determinati requisiti, che dovrebbero essere i seguenti per quanto riguarda il titolo di studio richiesto:

  • Diploma di Laurea Magistrale, Specialistica o Vecchio Ordinamento;
  • Diploma Accademico di II livello o di Vecchio Ordinamento congiunto con diploma di scuola secondaria superiore;
  • servizio prestato presso istituzioni scolastiche nazionali non inferiore a 60 mesi (5 anni), anche non continuativi e a tempo determinato.

Ci teniamo a precisare che queste informazioni e quelle che seguiranno relative a come diventare dirigente scolastico dovranno poi essere confermate o rettificate dal bando, per ora hanno uno scopo puramente informativo.

Corso-concorso per diventare dirigente scolastico

Il corso-concorso per diventare dirigente nella pubblica amministrazione prevede una prova preselettiva nel caso in cui il numero dei candidati superi di 3 volte il numero dei posti disponibili, situazione che sembra probabile che si verifichi, vista l’attesa per l’indizione di questo concorso pubblico. Seguirà una prova scritta e una prova orale, nel dettaglio bisognerà affrontare:

  • Se verrà svolta la prova preselettiva sarà composta da un test di 50 quesiti a risposta multipla basati sulle materie oggetto della prova scritta. La prova sarà informatica;
  • Una prova scritta articolata in 5 domande a risposta aperta di cui una in lingua straniera a scelta del candidato tra: inglese, tedesco, francese e spagnolo;
  • Il colloquio si baserà sulle materie oggetto d’esame, sulla conoscenza di una lingua straniera e sulla conoscenza dei principali strumenti informatici.