doocenti.it

ISTITUTI COMPRENSIVI E CIRCOLI DIDATTICI: ECCO COSA SONO

Visto il ritornare di alcuni quesiti, abbiamo deciso di rispondere ai seguenti dubbi:

  • Circoli didattici cosa sono?
  • Qual è la differenza tra circolo didattico e istituto comprensivo?
  • Istituti comprensivi significato;
  • Cos’è un plesso scolastico?
  • Quando le caselle istituzionali risultano piene?

circoli didattici cosa sono? Sono Istituti scolastici che possono comprendere le scuole primarie e le scuole materne; presso gli uffici dei circoli didattici vengono svolte diverse funzioni tra cui le iscrizioni degli studenti e le pratiche in riferimento alle graduatorie; quindi, è possibile che un docente, inviando la domanda di messa a disposizione per una determinata scuola del circolo didattico, possa essere convocato per una struttura scolastica diversa, ma che appartiene allo stesso circolo.

Istituti comprensivi e circoli didattici cosa sono

Volendo essere più precisi su cosa sono i circoli didattici, diamo una definizione più completa, ovvero, è un’insieme di sedi scolastiche di uno stesso territorio e che arrivano fino alla primaria, quindi infanzia inclusa.

Gli istituti comprensivi, invece, comprendono anche le scuole medie, ovvero le secondarie di primo grado. Questa è la principale differenza tra circolo didattico e istituto comprensivoin quanto il circolo didattico non le comprende. Questi istituti nascono perché il numero degli iscritti è inferiore a quello che è stato stimato.

Quindi, gli istituti comprensivi comprendono l’infanzia, la primaria e la secondaria di primo grado di uno stesso territorio. L’intento è di offrire continuità didattica, che è di tipo verticale, per almeno 600 alunni con un’età compresa tra i 3 e i 14 anni. Per i circoli didattici la continuità didattica è di tipo orizzontale.

Compreso gli istituti comprensivi e i circoli didattici cosa sono, passiamo al plesso scolastico. Quest’ultimo è proprio il nome della scuola, quindi per l’iscrizione o per la domanda di messa a disposizione bisognerà proprio indicare qual è il nome effettivo della sede.

Le caselle istituzionali quando risultano piene?

Ci sono due diversi motivi. Il primo si verifica quando l’istituto scolastico diventa un plesso e quindi la casella istituzionale cambia e la stessa non viene più utilizzata. La mail torna indietro indicando come notifica che la casella è piena.

Un altro motivo per il quale le mail tornano indietro è perché la casella istituzionale risulta effettivamente piena, cioè ha raggiunto l’80% o il 100% di occupazione.